Appassilento

Da una cernita delle uve e da peculiari tecniche di vinificazione sono così nati il bianco e il rosso del Veneto IGT  APPASSILENTO. Le uve, bianca e rossa, dopo la pigiatura rimangono a contatto con le vinacce, senza fermentare, ad una temperatura di 10 - 12 °C, l’uva bianca per circa 24 - 48 ore e quella rossa per 5 - 6 giorni. Si procede poi con l’inoculo dei lieviti ed una fermentazione condotta in due momenti, sempre a bassa temperatura, mai sopra i 20 °C. Segue una lunga sosta del vino sui suoi lieviti con “battonage” (rimescolamento dei lieviti nella massa per favorire la loro lisi) così da ottenere in modo naturale rotondità, pienezza ed eleganza. Le operazioni di vinificazione adottate per questi due vini hanno una durata che supera di 3 volte i tempi normali. Vista quindi la complessità ed i tempi prolungati di lavorazione abbiamo ritenuto che “APPASSILENTO” fosse un nome appropriato e significativo per questi due nuovi prodotti.